martedì 14 agosto 2012

Una poesia al giorno: "L'assuefazione" (E.Evtušenko)



L’assuefazione

Sfiora una lettera dimenticata
e dallo scritto si sprigionerà di nuovo
come sgomento davanti al futuro:
“Ma potremo ancora assuefarci?”
Com’è pesante l’assuefazione,
l’attrito demolisce le fiancate.
Quando la lotta si è quasi placata,
non credere che la stessa sia finita.
Come porsi al di sopra dei propri interessi,
 come, cedendo, non invecchiare,
come l’uno dell’altro assuefarsi
e i tratti individuali non abradere?
Amore si, cerchiamo di assuefarci,
perché il male non ci corroda separati,
fino a che in una tomba sottoterra
non saremo in eterno assuefatti.
(Evgenij Evtušenko)

Nessun commento:

Posta un commento