domenica 12 agosto 2012

Una poesia al giorno: "La stanza povera" (K.Kavafis)




La stanza povera

Era volgare e povera la stanza,
nascosta sull’equivoca taverna.
Dalla finestra si vedeva
il sordido vicolo cieco.
E dal basso salivano
gli incessanti schiamazzi d’operai
che giocavano a carte in baldoria.
Eppure là, su quel giaciglio fetido,
ebbi il corpo l’amore,
ebbi le labbra voluttuose
e arrossate dell’ebbrezza,
di tale ebbrezza arrossate,
che anche dopo anni,
scrivendone ora in questa casa deserta,
ancora me ne inebrio.
(Konstantinos Kavafis)

Nessun commento:

Posta un commento