martedì 3 luglio 2012

Il poeta del giorno: LANGSTON HUGHES

Langston Hughes, poeta afro-americano, nato a (Joplin Missouri) nel 1902 e morto a New York nel 1967.
E' stato poeta, prosatore e drammaturgo tra i maggiori della letteratura negro americana. Nelle sue opere vibrano una profonda religiosità e un intenso impegno sociale.
Prima di affermarsi nel mondo letterario ebbe una vita dura, fatta di sacrifici e di adattamento a lavori umili e pesanti.
La sua poesia riflette la vivacità, la vitalità e l'entusiasmo della musica modellata sui ritmi del jazz e del blues.
I temi trattati nelle sue opere parlano della vita, delle difficoltà e dei sogni della comunità nera.
Interprete sensibile della cultura dei neri d'America, scrisse anche un romanzo e una raccolta di brevi racconti. Ricordiamo Blues stanchi, Campi dei miracoli, e il romanzo Piccola America negra.



Sono un nero Pierrot -
Sono un nero Pierrot:
lei non mi amava,
così io mi tuffai dentro la notte,
e la notte era nera, anche la notte.
Sono un nero Pierrot:
lei non mi amava,
così io piansi fin quando fu l'alba
e insanguinò le colline ad oriente
e il cuore, anche il mio cuore sanguinava.

Sono un nero Pierrot:
lei non mi amava,
così con l'anima un tempo a colori
come un pallone sgonfiato grinzosa,
me ne andai via nella mattina in cerca
d'un altro amore bruno.
Tenetevi stretti i sogni

Tenetevi stretti ai sogni
perchè se i sogni muoiono
la vita è un uccello con le ali spezzate
che non può volare.
Tenetevi stretti ai sogni
perchè quando i sogni se ne vanno
la vita è un campo arido
gelato dalla neve.

Nessun commento:

Posta un commento