venerdì 20 luglio 2012

Una poesia al giorno: "Se voi mi amaste"




Se voi mi amaste

Io menestrello me ne vo nel mondo
e oltre il mio sapere non ho niente,
ma se mi amaste voi bella bionda
mi crederei ricco possidente.
Come Petrarca ai piedi del suo idolo
 davanti a voi, le ginocchia piegate,
io scorderei persino il Campidoglio,
se voi mi amaste,
ma voi non mi amate.
Oh se mi amaste voi bella bionda
solo dei vostri baci fame avrei,
e sordo al suo vicino che rimprovera
il cuore inebriato sentirei.
Come mendico va
di donna in donna cercando amore,
e muore se non date aiuto a lui, signora;
rivivrebbe se voi mi amaste,
ma voi non mi amate.
E le mie fresche canzoni fiorite
al vento del mattino e della sera
verrebbero da voi come le rose
che accompagnano in chiesa la preghiera.
Purificando l’aria di Parigi,
camminerei dove voi camminate,
l’anima brucerei come un profumo,
se voi mi amaste, ma voi non mi amate.
Su voi, gran dama che tutti adulano,
un occhialetto d’oro ha passeggiato,
e con il nodo fatto a una cravatta
ecco già il vostro cuore incatenato.
D’uno più in alto gradite
l’omaggio gli sorriderete
e fiera camminate al suo braccio!
Sarei domani un peso se voi mi amaste,
ma voi non mi amate.
(Alfred De Musset)

Nessun commento:

Posta un commento