venerdì 4 maggio 2012

Il poeta del giorno: EZRA POUND

Ezra Weston Loomis Pound (30 ottobre 1885 - 1 Novembre 1972), poeta, musicista e critico. Insieme a T. S. Eliot, fu una delle figure di spicco del modernismo e della poesia di inizio ventesimo secolo. Costituì la forza trainante di molti movimenti modernisti, principalmente dell'immagismo e del vorticismo. Il critico Hugh Kenner così disse del suo incontro con Pound: "Compresi subito di trovarmi davanti al centro del modernismo."
Pound nacque ad Hailey, in Idaho. Studiò alla University of Pennsylvania e presso lo Hamilton College. Fu in questo periodo che fece conoscenza con William Carlos Williams e H.D., ai quali fu legato per qualche tempo. Insegnò al Wabash College per quasi un anno: se ne andò a causa di un piccolo scandalo. Nel 1908, si stabilì a Londra, dopo aver trascorso diversi mesi a Venezia.
La prima poesia di Pound fu ispirata dalle sue letture dei preraffaelliti e da altri poeti dell'Ottocento ma anche dalla letteratura medievale in lingua romanza, e da molta filosofia neo-romantica, mistica e occultista. Quando, convinto da Ford Madox Ford e T. E. Hulme si trasferì a Londra, cominciò a liberarsi palesemente del suo stile poetico arcaico nel tentativo di ridarsi un nuovo volto come poeta. Credeva che W. B. Yeats fosse il più grande dei poeti suoi contemporanei: lo conobbe in Inghilterra, lavorando successivamente come segretario del poeta irlandese. Si interessava anche alle credenze occultistiche di Yeats: la collaborazione tra Yeats e Pound fu indispensabile perché ciascuno svecchiasse la propria poesia. Durante la guerra, Pound e Yeats abitarono insieme presso Stone Cottage nel Sussex, in Inghilterra, studiando il giapponese, dedicando particolare attenzione ai drammi del genere Nō. Nel 1914, sposò un'artista, Dorothy Shakespear.
Negli anni antecedenti la Prima Guerra Mondiale, Pound ebbe quasi tutto il merito di aver fatto sorgere l'immagismo e il vorticismo. Questi movimenti, che richiamarono l'attenzione sull'opera di poeti e artisti quali James Joyce, Wyndham Lewis, William Carlos Williams, H.D., Richard Aldington, Marianne Moore, Rebecca West e Henri Gaudier-Brzeska possono probabilmente essere ritenuti eventi di importanza cruciale per la nascita del modernismo di lingua inglese.
Pound corresse anche le bozze di The Waste Land del suo amico Eliot, il poema che doveva attirare prepotentemente l'attenzione del pubblico su questo nuovo genere di sensibilità poetica.
Nonostante ciò, la guerra distrusse la fiducia di Pound nella moderna civiltà occidentale, ed egli si risolse ad abbandonare Londra subito dopo, ma non prima di aver pubblicato Omaggio a Sesto Properzio (Homage to Sextus Propertius) nel 1919 e Hugh Selwyn Mauberley nel 1921. Se l'insieme di queste poesie rappresenta l'addio di Pound al periodo poetico londinese, i Canti (The Cantos), da lui iniziati nel 1915, annunciano il suo futuro cammino letterario.
Nel 1920, Pound si trasferì a Parigi dove andò a vivere in un circolo di artisti, musicisti e scrittori che stavano rivoluzionando tutto il mondo dell'arte moderna. Continuò a lavorare ai Canti, che riflettevano sempre di più le sue preoccupazioni sulla politica e l'economia, ma scrisse anche saggi critici, eseguì traduzioni e compose con l'aiuto di George Antheil due interi libretti d'opera lirica insieme a diversi pezzi per solista di violino. Nel 1922 conobbe la violinista Olga Rudge, con la quale ebbe una relazione. Insieme a Dorothy Shakespear formarono un irrequieto mènage à trois che doveva durare fino alla morte del poeta. In questo periodo Pound organizzò inoltre una rassegna annuale di concerti a Rapallo, dove fu eseguita una grande varietà di brani musicali classici e contemporanei. È da notare che questa attività nel campo musicale contribuì alla rinascita nel ventesimo secolo dell'interesse per Vivaldi, caduto nell'oblìo dopo la sua morte.
Nei primi Anni Trenta Pound si trasferì in Italia, a Rapallo, dove continuò a incoraggiare la creatività degli artisti. Quando vi giunse per incontrare Pound, il giovane scultore Heinz Henghes non aveva l'ombra di un quattrino. Pound gli diede un alloggio e del marmo da scolpire, e presto egli apprese a lavorare la pietra. Anche il poeta James Laughlin fu ispirato da Pound, fondando la casa editrice "New Directions" che si sarebbe fatta portavoce di diversi nuovi autori.
In Italia Pound divenne un sostenitore entusiasta di Mussolini, e nei suoi scritti cominciano ad apparire inclinazioni all'antisemitismo (per quanto sembra avesse tendenze antisemitiche fin dalla più giovane età in Idaho, quando le sue letture accanite sulla politica monetaria degli Stati Uniti e dell'Europa lo portarono a scoprire certi scritti estremisti in cui si attribuiva la colpa di molti eventi sfortunati del diciannovesimo e dell'inizio del ventesimo secolo a una presunta cabala ebraica di "banchieri internazionali". Pound rimase in italia dopo lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale. Si oppose al coinvolgimento degli Stati Uniti nella guerra e cercò di impedirlo utilizzando le sue conoscenze politiche a Washington. Parlò sulla radio italiana dando una serie di discorsi su argomenti di interesse culturale. Fu però inevitabile che toccasse la politica, e la sua opposizione alla guerra e il suo antisemitismo divennero a volte evidenti.
Verso la fine della guerra venne rinchiuso in un campo di detenzione dell'Esercito degli Stati Uniti poco fuori Pisa, passando venticinque giorni in una prigione all'aperto prima che gli fosse concessa una tenda. Sembra che qui si prendesse un esaurimento nervoso. Fu al campo che gettò le bozze dei Canti pisani (Pisan Cantos). Questa parte di lavoro in fase di stesura segna un cambiamento dell'opera di Pound, divenuta ora meditazione sulle proprie disgrazie personali e quelle dell'Europa, ma anche su quale dovesse essere il suo posto nell'universo della natura, in quella che è stata considerata una tra le primissime opere poetiche su argomenti di ecologia in lingua inglese. I Canti Pisani ottennero il primo Premio Bollinger dalla Library of Congress nel 1948.
Dopo la guerra Pound fu riportato negli Stati Uniti per rispondere alle accuse di alto tradimento che gli furono rivolte. Fu ritenuto mentalmente incapace di sostenere un processo e inviato al St. Elizabeth's Hospital, dove rimase per 12 anni, dal 1946 al 1958, anno in cui fu rilasciato e rimandato in Italia, dove morì nel 1972. Pound si comportò a dir poco con grande presunzione ed eccentricità, il che tradotto in termini psichiatrici diventò "grandiosità di idee e convinzioni". Oggi molti ritengono che il caso di infermità mentale intentato contro Pound sia un esempio di abuso dei poteri da parte dello stato, che imprigionò lo scrittore senza processo. Al contrario, E. Fuller Torrey riteneva che il caso del propagandista di Mussolini fosse stato trattato con troppa indulgenza da Winfred Overholser, primario del St. Elizabeth's. Overholser ammirava la poesia di Pound e gli consentì di vivere in una stanza dell'ospedale tutta per lui, in cui scrisse tre libri, ricevette visite da celebrità letterarie godendo di relazioni coniugali ed extraconiugali con la moglie e le sue parecchie amanti (Torrey parlò per la prima volta dell'amicizia tra Overholser e Pound in un numero di Psychology Today del 1981 e in seguito nel libro Le radici del tradimento (The Roots of Treason). Al St. Elizabeth's fu circondato da ammiratori e poeti, continuando a lavorare a I Canti e a tradurre i classici di Confucio. Molti dei poeti e degli artisti che venivano spesso a trovare Pound si sarebbero scandalizzati se avessero saputo che un altro dei suoi visitatori più frequenti era l'allora presidente del "Partito nazionale delle destre", il National States Rights Party, con il quale Pound era solito discutere tattiche e strategie da impiegare per guadagnare il favore della gente utile al mantenimento della segregazione razziale negli Stati Uniti del Sud. Fu infine rilasciato dopo una campagna organizzata da molti suoi colleghi poeti e artisti, specialmente da Robert Frost. Venne considerato un malato di mente inguaribile anche se non pericoloso per la società.
Al suo rilascio, Pound fece ritorno in Italia dove continuò a scrivere, ma le sue vecchie certezze lo avevano abbandonato. Sebbene continuasse a lavorare a I Canti, sembra che li considerasse un fallimento artistico. E che si pentisse anche di molte delle sue azioni passate, tanto che in un'intervista con Allen Ginsberg del 1967 si scusò di quello "sciocco e provinciale pregiudizio dell'antisemitismo". Morì a Venezia nel 1972.


HISTRION
Nessuno mai osò scrivere questo, 
ma io so come le anime dei grandi 
talvolta dimorano in noi, 
e in esse fusi non siamo che 
il riflesso di queste anime. 
Così son Dante per un po' e sono 
un certo Francois Villon, ladro poeta 
o sono chi per santità nominare 
farebbe blasfemo il mio nome; 
un attimo e la fiamma muore. 
Come nel centro nostro ardesse una sfera 
trasparente oro fuso, il nostro "Io" 
e in questa qualche forma s'infonde: 
Cristo o Giovanni o il Fiorentino; 
e poi che ogni forma imposta 
radia il chiaro della sfera, 
noi cessiamo dall'essere allora 
e i maestri delle nostre anime perdurano.



SOFFITTA
Vieni, compiangiamoli quelli che stanno meglio di noi. 
Vieni, amica, e ricorda 
che i ricchi han maggiordomi e non amici, 
E noi abbiamo amici e non maggiordomi. 
Vieni, compiangiamo gli sposati e i non sposati. 
L'aurora entra a passettini 
come una dorata Pavlova, 
E io son presso al mio desiderio. 
Ne ha la vita in sé qualcosa di migliore 
Che quest'ora di chiara freschezza, 
l'ora di svegliarsi in amore.

Nessun commento:

Posta un commento